venerdì 27 marzo 2015

Lamb Kofta Kebabs - Polpette Egiziane di Agnello

L'Egitto è un paese che mi ha sempre affascinato, il volume dell'enciclopedia che riguarda la storia dei faraoni e delle piramidi è quello più consumato e ricco di sottolineature. Geroglifici e mummie, l'enigma della Sfinge e il famoso faraone Tutankhamon, la Valle dei Re, la crociera sul Nilo e la diga di Assuan, quante meraviglie da vedere in un paese circondato dalla sabbia del deserto del Sahara. Per ora farò un viaggio virtuale addentrandomi nelle cucine egiziane, tra piatti a base di agnello e montone. Traendo spunto da una ricetta vista qui, ho cucinato le Kofta Kebabs di Agnello, delle tipiche polpette preparate come spiedini intensamente speziate e appetitose, adatte anche per la festività della Pasqua o per la Pasquetta. 

Lamb Kofta Kebabs - Polpette Egiziane di Agnello di Armonia Paleo

Lamb Kofta Kebabs - Polpette Egiziane di Agnello di Armonia Paleo
Lamb Kofta Kebabs - Polpette Egiziane di Agnello

Ingredienti per 20 Kofta


Procedimento
  1. In una terrina unire la carne macinata di agnello con gli spicchi d'aglio tritati, la cipolla tritata, il prezzemolo, il coriandolo, i semi di cumino macinati in un macina spezie, la cannella, il pepe, il sale e lo zenzero, mescolare bene fino ad ottenere un composto ben amalgamato. 
  2. Dividere il composto in 20 palline. Disporre ogni pallina intorno alla punta di uno spiedino e appiattire in forma ovale della lunghezza di circa 5 cm. Ripetere il procedimento con i restanti spiedini. 
  3. Mettere gli spiedini a riposare in frigorifero per almeno 30 minuti o fino a 12 ore.
  4. Adagiare gli spiedini sopra una bistecchiera in ghisa rovente oppure sopra una griglia, girando ogni tanto gli spiedini per rosolare bene da tutti i lati, cuocere per circa 10 minuti.
  5. Disporre le Kofta Kebabs in un piatto da portata.
  6. Servire.
Suggerimenti: Per un pranzo o una cena in stile Egiziano, si possono servire le Kofta Kebabs con Karkadé, la tipica bevanda di colore rosso prodotta con i fiori di ibisco.
Lamb Kofta Kebabs - Polpette Egiziane di Agnello di Armonia Paleo
Con questa ricetta dell'Egitto partecipo alla raccolta dell'Abbecedario Culinario Mondiale, ospitato in questa tappa da Teresa del blog Crumpets & Co.
Lamb Kofta Kebabs - Polpette Egiziane di Agnello di Armonia Paleo
Ti potrebbe anche interessare:
Guida Turistica Egitto
Le mie ricette sono basate sulle linee guida Paleo, qui scopri di più sulla mia alimentazione e il mio stile di vita.
Per non perdere nessuna ricetta e ricevere gli aggiornamenti continua a seguirmi anche sulla pagina Facebook  

mercoledì 25 marzo 2015

Girelle di Pollo con Bietola e Carote

Il petto di pollo è una carne molto versatile in cucina, si può preparare in molti modi e generalmente piace a tutti. Nella ricetta che vi propongo oggi, la semplice fettina di pollo diventa un gustoso involtino ripieno di verdure colorate e a fine cottura gli involtini cambiano l'abito e si trasformano in girelle, un piatto adatto a tutti, veloce e divertente da preparare che piacerà anche ai bambini.
Girelle di Pollo con Bietola e Carote di Armonia Paleo
Girelle di Pollo con Bietola e Carote

Ingredienti per 2 porzioni
  • 4 fettine (circa 300 gr) di pollo oppure tacchino
  • 200 gr di bietola novella (bieta erbetta) oppure spinaci
  • 6 carote
  • 1 spicchio d'aglio
  • 1 rametto di rosmarino
  • sale rosa dell'Himalaya
  • 20 gr (2 cucchiai) di olio di cocco vergine
Procedimento
  1. Lavare la bietola e le carote. 
  2. Scaldare 1 cucchiaio di olio di cocco con lo spicchio d'aglio sbucciato e schiacciato in un tegame, versare le foglie di bieta sgrondate dall'acqua e cuocere per circa 10 minuti rimestando ogni tanto.
  3. Pelare le carote e cuocere a vapore per circa 15 minuti.
  4. Con un batticarne appiattire le fettine di pollo, insaporire con il sale da entrambi i lati, coprire ogni fettina con 1 cucchiaio di bietola, sopra la bietola disporre le carote tagliate a bastoncini. Avvolgere la carne formando un rotolo. Ripetere il procedimento per le restanti fettine di pollo.
  5. Disporre gli involtini di pollo nel medesimo tegame dove era stata cotta la bietola, aggiungere l'olio di cocco rimasto e gli aghi di rosmarino tritati, cuocere gli involtini per 10-12 minuti girando da ogni lato.
  6. Affettare gli involtini formando le girelle.
  7. Disporre la bietola rimasta su un piatto da portata, adagiare le girelle di pollo sopra la bietola e decorare con le carote rimaste tagliate a dadini.
  8. Servire.
Suggerimenti: Se non trovate la bietola novella (bieta erbetta) è possibile utilizzare le foglie di bietola private della costa oppure gli spinaci.
Info: La bietola da taglio o bieta erbetta si differenzia dalla bietola da costa per l'assenza della costa bianca. 
Girelle di Pollo con Bietola e Carote di Armonia Paleo

Girelle di Pollo con Bietola e Carote di Armonia Paleo
Le mie ricette sono basate sulle linee guida Paleo, qui scopri di più sulla mia alimentazione e il mio stile di vita.
Per non perdere nessuna ricetta e ricevere gli aggiornamenti continua a seguirmi anche sulla pagina Facebook  

sabato 21 marzo 2015

Proposte Menù di Pasqua 2015

La Pasqua a tavola significa soprattutto cambio di stagione con le verdure novelle dell'orto e le uova sempre presenti a rappresentare la rinascita. Tradizionale la gita a Pasquetta fuori porta, in campagna oppure in collina o al mare per trascorrere la giornata lontano dalla città. Per chi preferisce organizzare il Menù di Pasqua a casa propria lascio una selezione di alcune ricette in stile Paleo, per una Pasqua ricca di gusto e vitalità, senza cereali, senza latticini, senza legumi e senza additivi, sane bontà per deliziare il palato degli ospiti.

(cliccare sul titolo della ricetta per scoprire come realizzarla)
3 - "Formaggio" di Noci di Macadamia
4 - Uova alla Diavola con Avocado

Piatti Principali
Proposte Menù di Pasqua 2015 di Armonia Paleo

Dolci
Proposte Menù di Pasqua 2015 di Armonia Paleo

Proposte Menù di Pasqua 2015 di Armonia Paleo

Nei prossimi giorni nuove ricette in arrivo... restate sintonizzati!
*******
Le mie ricette sono basate sulle linee guida Paleo, qui scopri di più sulla mia alimentazione e il mio stile di vita.
Per non perdere nessuna ricetta e ricevere gli aggiornamenti continua a seguirmi anche sulla pagina Facebook  

venerdì 20 marzo 2015

Acquacotta di Primavera

La ricetta di oggi per dare il mio benvenuto alla Primavera, la stagione che ci riempie gli occhi di colori, fiori profumati e fresche verdure novelle. Ecco dunque l'Acquacotta primaverile, una tradizionale zuppa toscana che nasce in Maremma con molte varianti in base alla reperibilità degli ingredienti e delle località. Infatti, l'Acquacotta deriva dal pranzo dei butteri, i mandriani che spostandosi con le mandrie raccoglievano le verdure e le erbette nei campi di passaggio, cui aggiungevano pane e cotica di maiale che portavano sempre appresso.
La mia versione di Acquacotta di Primavera raccoglie le fresche verdure novelle, ognuna con il proprio gusto arricchisce la zuppa di sapori e profumi, la pancetta croccante e l'uovo in camicia completano il piatto di nutriente bontà. 
Acquacotta di Primavera di Armonia Paleo
Acquacotta di Primavera
Ingredienti per 4 porzioni
  • 100 gr di bietola da taglio (erbette)
  • 100 gr di foglie di spinaci 
  • 100 gr di agretti
  • 20 gr di foglie di cicoria novella
  • 8 asparagi verdi 
  • 2 carote (possibilmente complete di foglie)
  • 1 cipollotto bianco
  • 1 gambo di sedano
  • 1 spicchio d'aglio
  • 2 foglie di salvia
  • 1 cucchiaino di sale rosa dell'Himalaya
  • 2 cucchiai di olio extravergine di oliva biologico
  • 4 fette di pancetta tesa di maiale (pancetta fresca di maiale)
  • 4 uova
  • 1 litro di acqua naturale bollente
Procedimento
  1. Mondare gli agretti eliminando l'ultima parte più dura della radice, eliminare la parte finale più dura degli asparagi, eliminare la radice dal cipollotto, eliminare il gambo dalle foglie di spinaci e lavare tutte le verdure. 
  2. Tagliare a rondelle il cipollotto compresa la parte verde, tritare grossolanamente la bietola, gli spinaci, gli agretti, la cicoria e gli asparagi tagliati a pezzetti.
  3. In una casseruola con l'olio extravergine di oliva imbiondire il cipollotto, lo spicchio d'aglio sbucciato e schiacciato, le foglie di salvia, il sedano a pezzetti, le carote pelate e tagliate a rondelle.
  4. Unire le foglie delle carote tritate, la bietola, la cicoria, gli spinaci e gli asparagi, insaporire con il sale e versare l'acqua bollente sulle verdure. Portare a ebollizione, poi abbassare la fiamma e cuocere per 20 minuti.
  5. Alcuni minuti prima del termine della cottura, sgusciare un uovo per volta nella zuppa di verdure, facendo attenzione a non rompere il tuorlo, cuocere a fuoco basso, senza far bollire, per 3-4 minuti, fino a quando l'albume si rapprenderà.
  6. Scolare l'uovo con una schiumarola e deporre delicatamente su un piatto tenendo al caldo. Ripetere il procedimento per tutte le uova.
  7. In una padella cuocere le fettine di pancetta per circa 5 minuti o fino a quando saranno dorate e croccanti. Rosolare bene da entrambi i lati e insaporire con il sale.
  8. Distribuire la zuppa di verdure nelle fondine, appoggiare sulla superficie la fetta di pancetta croccante e sopra la pancetta deporre l'uovo in camicia.
  9. Servire.
Stagionalità: Gli agretti (conosciuti anche come barba di frate o lischi) sono disponibili da marzo a maggio.
Info: La bietola da taglio o bieta erbetta si differenzia dalla bietola da costa per l'assenza della costa bianca. 
Gli agretti devono il loro nome al sapore lievemente acidulo, sono ricchi di vitamine A, C e di sali minerali quali magnesio, potassio, calcio e ferro. Stimolano la diuresi ed essendo ricchi di fibre sono utili per il buon funzionamento dell'intestino.
Acquacotta di Primavera di Armonia Paleo

Acquacotta di Primavera di Armonia Paleo
Le mie ricette sono basate sulle linee guida Paleo, qui scopri di più sulla mia alimentazione e il mio stile di vita.
Per non perdere nessuna ricetta e ricevere gli aggiornamenti continua a seguirmi anche sulla pagina Facebook 

venerdì 13 marzo 2015

Insalata di Gamberi e Finocchi con More di Gelso e Limone

Le more di gelso bianche sono state una piacevole scoperta e, dopo le Barrette Energetiche Raw, le ho provate in aggiunta a questa Insalata di Gamberi con la conferma di un altro abbinamento vincente. Il gusto dolce e delicato dei gamberi e dei finocchi si completa con il sapore più deciso del limone e le more di gelso caratterizzano in modo particolare il piatto arricchendolo di proprietà antiossidanti. 
Insalata di Gamberi e Finocchi con More di Gelso e Limone

Ingredienti per 1 porzione
Procedimento
  1. Lessare i gamberi per circa 10 minuti in acqua bollente. Scolare i gamberi, tagliare la testa, togliere il carapace ed eliminare il budellino intestinale. 
  2. Eliminare i gambi dei finocchi e conservare qualche barbetta per la decorazione. Tagliare a metà i finocchi, eliminare le foglie esterne più fibrose, tagliare la parte centrale più dura, lavare bene in acqua corrente e affettare sottilmente. 
  3. Pelare a vivo il limone: eliminare la scorza e la pellicina bianca, tagliare a spicchi.
  4. Disporre i finocchi in un piatto da portata, distribuire i gamberi e gli spicchi di limone, cospargere con le more di gelso e decorare con qualche barbetta di finocchio. Condire l'insalata con l'olio extravergine di oliva e il sale grigio di Guèrande. Mescolare bene.
  5. Servire.
Suggerimenti: Se si utilizzano gamberi congelati o decongelati, dopo lo scongelamento metterli in ammollo in acqua acidulata per circa 10 minuti poi sciacquarli in acqua corrente prima di procedere alla cottura. Lessare i gamberi interi, eliminando il guscio dopo la cottura per esaltare il sapore del crostaceo. Conservare nel congelatore le teste e i carapaci dei gamberi cotti, saranno utili per preparare un fumetto di pesce per insaporire una zuppa o un piatto a base di pesce.
Info: Le more bianche di gelso essiccate sono ideali come snack, naturalmente dolci, sane e deliziose. Contengono calcio, fosforo, vitamine del gruppo B e antiossidanti. Le more di gelso sono i frutti del gelso, albero un tempo molto diffuso in Europa per l'allevamento del baco da seta. Il gelso bianco proviene dall'estremo oriente, da paesi come Cina, Giappone, Birmania, Malesia e Thailandia dove viene coltivato per la produzione della seta. Le more di gelso bianche hanno un sapore dolce con una nota lievemente acidula che caratterizza in modo particolare i piatti e li arricchisce di proprietà antiossidanti. 

Le mie ricette sono basate sulle linee guida Paleo, qui scopri di più sulla mia alimentazione e il mio stile di vita.
Per non perdere nessuna ricetta e ricevere gli aggiornamenti continua a seguirmi anche sulla pagina Facebook 

domenica 8 marzo 2015

Cocktail Mimosa al Cocco

Il Cocktail Mimosa è una famosa bevanda conosciuta in tutto il mondo, oggi vi propongo la mia speciale versione analcolica preparata con spremuta di arancia e acqua di cocco, solo due ingredienti per una bevanda ricca di antiossidanti, vitamina C e potassio.
Questo cocktail è una bevanda energetica dal buon sapore di arancia, può accompagnare la colazione oppure servire come aperitivo in occasione di un pranzo o una cena ed è adatta anche ai bambini perché analcolica. 
Oggi è l'8 marzo, Giornata internazionale della donnaper ricordare e celebrare dedico alle donne di tutto il mondo questo luminoso Cocktail Mimosa con un pensiero che unisca tutte in un unico abbraccio. 
Cocktail Mimosa al Cocco di Armonia Paleo

Cocktail Mimosa al Cocco di Armonia Paleo
Cocktail Mimosa al Cocco

Ingredienti per 4 bicchieri da 100 ml
Procedimento
  1. Mettere le arance e l'acqua di cocco in frigorifero a raffreddare per 1-2 ore.
  2. Spremere le arance e filtrare il succo con un colino.
  3. Mescolare la spremuta di arance con l'acqua di cocco.
  4. Bagnare leggermente i bordi dei bicchieri con acqua e immergere nel cocco grattugiato.
  5. Versare il cocktail mimosa nei bicchieri.
  6. Servire.
Info: L'acqua di cocco è isotonica, ottima a inizio giornata, adatta durante l'attività sportiva o per reintegrare i sali minerali nei casi di eccessiva sudorazione poiché altamente ricca di sodio, calcio, magnesio e potassio. Inoltre contiene l'elenco completo di aminoacidi essenziali che l'organismo umano non è in grado di produrre e occorre quindi introdurre con gli alimenti. L'acqua di cocco sostiene il corpo facilitando la disintossicazione e, grazie al contenuto di vitamine e sali minerali, aiuta a rigenerare la flora intestinale e stimola il metabolismo favorendo il dimagrimento oltre ad essere una fonte preziosa per migliorare l'energia fisica. L'acqua di cocco ha un sapore delicato, leggermente dolce, ha un basso potere calorico e si presta alla preparazione di bevande dissetanti che possiamo personalizzare a nostro gusto. 
Cocktail Mimosa al Cocco di Armonia Paleo

Cocktail Mimosa al Cocco di Armonia Paleo
Le mie ricette sono basate sulle linee guida Paleo, qui scopri di più sulla mia alimentazione e il mio stile di vita.
Per non perdere nessuna ricetta e ricevere gli aggiornamenti continua a seguirmi anche sulla pagina Facebook 

giovedì 5 marzo 2015

Barrette Energetiche Raw al Cocco e More di Gelso

Oggi vi propongo delle barrette energetiche crudiste, senza cottura per mantenere intatte le preziose proprietà delle More di Gelso. Preparare in casa queste barrette richiede pochissimo tempo poiché non è necessaria la cottura, con i grassi sani del cocco, dolcificate naturalmente con i datteri e le squisite more di gelso. Sono pratiche per uno spuntino da viaggio, un'ottima merenda energetica per i bambini o uno spuntino dopo l'allenamento in palestra, si avvolgono in carta da forno e si possono portare ovunque.  
Barrette Energetiche Raw al Cocco e More di Gelso di Armonia Paleo

Barrette Energetiche Raw al Cocco e More di Gelso di Armonia Paleo
Barrette Energetiche Raw al Cocco e More di Gelso 

Ingredienti per 6 barrette
Procedimento
  1. In un robot da cucina mettere i datteri denocciolati con la vaniglia in polvere, il cocco grattugiato, la farina di cocco e l'olio di cocco, azionare le lame fino ad ottenere un composto ben amalgamato. 
  2. Togliere il composto dal robot  da cucina e aggiungere le more di gelso tagliate a dadini, amalgamare bene il composto.
  3. Stendere il composto allo spessore di 1,5 cm, in una teglia rettangolare (12 x 16 cm) foderata con carta da forno e pressare bene.
  4. Mettere a riposare in frigorifero per almeno 2 ore.
  5. Togliere dal frigorifero e tagliare in 6 rettangoli.
  6. Servire.
Suggerimenti: Le barrette si conservano per parecchi giorni in frigorifero oppure si possono congelare (tagliate e separate con carta da forno) e scongelare al momento. Per trasportare comodamente le barrette avvolgerle con carta forno e chiudere con spago da cucina.
Info: Le more bianche di gelso essiccate sono ideali come snack, naturalmente dolci, sane e deliziose. Contengono calcio, fosforo, vitamine del gruppo B e antiossidanti. Le more di gelso sono i frutti del gelso, albero un tempo molto diffuso in Europa per l'allevamento del baco da seta. Il gelso bianco proviene dall'estremo oriente, da paesi come Cina, Giappone, Birmania, Malesia e Thailandia dove viene coltivato per la produzione della seta. Le more di gelso bianche hanno un sapore dolce con una nota lievemente acidula che caratterizza in modo particolare i piatti e li arricchisce di proprietà antiossidanti. 
Barrette Energetiche Raw al Cocco e More di Gelso di Armonia Paleo
{ Strofinaccio realizzato da Punto Scappato, ricamato a punto croce su tela Aida }

Barrette Energetiche Raw al Cocco e More di Gelso di Armonia Paleo

Barrette Energetiche Raw al Cocco e More di Gelso di Armonia Paleo
Le mie ricette sono basate sulle linee guida Paleo, qui scopri di più sulla mia alimentazione e il mio stile di vita.
Per non perdere nessuna ricetta e ricevere gli aggiornamenti continua a seguirmi anche sulla pagina Facebook