lunedì 4 maggio 2015

Salmone Arrosto in Cartoccio di Alga Nori

Il salmone è un ottimo pesce, è molto versatile in cucina e sono sempre alla ricerca di nuove idee per prepararlo, oggi vedremo un modo originale per cucinarlo al cartoccio, ho preso spunto dalla ricetta di Mark Sisson, utilizzando l'alga Nori per avvolgere i filetti di pesce come un pacchetto, una ricetta semplice e veloce per un piatto nutriente ricco di omega-3, vitamine e sali minerali. 
Salmone Arrosto in Cartoccio di Alga Nori di Armonia Paleo
Salmone Arrosto in Cartoccio di Alga Nori

Ingredienti per 2 pacchettini di salmone
Procedimento
  1. Preriscaldare il forno a 180°C.
  2. Tagliare i filetti di salmone alle dimensioni di circa cm 10 x 4,5 di spessore di circa 2 cm. 
  3. Adagiare ogni filetto di salmone sopra un foglio di alga Nori. Insaporire i tranci di salmone con sale e zenzero in polvere.
  4. Avvolgere ogni filetto di salmone in un foglio di alga Nori come fosse un pacchetto: piegare un lato lungo sopra il salmone poi ripiegare i due lati più corti verso il centro. Arrotolare il pezzo di salmone e chiudere a pacchetto.
  5. Disporre i pacchetti sopra una teglia foderata con carta da forno, con la chiusura laterale verso il fondo della teglia. Non è necessario bagnare l'alga Nori, aderirà al salmone durante la cottura.
  6. Cuocere in forno a 180°C per 12-15 minuti.
  7. Tagliare a metà i pacchetti di salmone e servire con contorno di stagione a piacere.
Suggerimenti: Se si utilizza pesce surgelato non occorre scongelarlo.
Info: Le alghe Nori sono preparate con alghe rosse, triturate, seccate e pressate, vendute in fogli sottilissimi adatti per preparare involtini. Hanno un buon contenuto di vitamine, sali minerali e Omega-3.
Salmone Arrosto in Cartoccio di Alga Nori di Armonia Paleo

Salmone Arrosto in Cartoccio di Alga Nori di Armonia Paleo

Salmone Arrosto in Cartoccio di Alga Nori di Armonia Paleo
Ti potrebbe anche interessare
Le mie ricette sono basate sulle linee guida Paleo, qui scopri di più sulla mia alimentazione e il mio stile di vita.
Per non perdere nessuna ricetta e ricevere gli aggiornamenti continua a seguirmi anche sulla pagina Facebook 

giovedì 30 aprile 2015

Piccata di Pollo

Oggi vedremo un piatto che si prepara in 10 minuti, semplicissimo e molto appetitoso, eh già, cucinare piatti Paleo in poco tempo e che siano pure gustosi è possibile. Infatti, la Piccata ha un gusto saporito grazie a capperi e limone, ho aggiunto le fettine di limone che intensificano il sapore, rendono il piatto più decorativo e si possono gustare insieme alla carne. Un piatto veloce e adatto a tutti, ideale se arrivano ospiti improvvisi, caratterizzato da pochi ingredienti reperibili in qualsiasi stagione.
Piccata di Pollo di Armonia Paleo

Piccata di Pollo di Armonia Paleo
Piccata di Pollo

Ingredienti per 2 porzioni
Procedimento
  1. Mettere i capperi in una ciotola e coprire con acqua, lasciare in ammollo per 10 minuti.
  2. Disporre le fettine di petto di pollo tra due fogli di pellicola trasparente e battere con un batticarne per appiattirli.
  3. Insaporire i petti di pollo da entrambi i lati con un pizzico di sale poi passare i petti nell'arrowroot scrollando l'eccesso.
  4. Scaldare l'olio extravergine di oliva con l'olio di cocco in una padella, aggiungere i petti di pollo e cuocere per 4-5 minuti da ogni lato fino a quando saranno ben rosolati. 
  5. Aggiungere la spremuta di limone, l'acqua o il brodo di carne, i capperi scolati dall'acqua, il limone biologico lavato e tagliato a fette. Cuocere per alcuni minuti fino a quando la salsa di cottura si sarà ristretta.
  6. Disporre i petti di pollo nei piatti con le fettine di limone, cospargere con la salsa di cottura e il prezzemolo tritato. 
  7. Servire.
Suggerimenti: Il petto di pollo si può sostituire con fesa di tacchino oppure vitello.
Piccata di Pollo di Armonia Paleo

Piccata di Pollo di Armonia Paleo
Le mie ricette sono basate sulle linee guida Paleo, qui scopri di più sulla mia alimentazione e il mio stile di vita.
Per non perdere nessuna ricetta e ricevere gli aggiornamenti continua a seguirmi anche sulla pagina Facebook 

sabato 25 aprile 2015

Cioccolato Fondente Homemade alle Noci dell'Amazzonia

Maya e gli Aztechi consideravano il cacao "cibo degli dei" e il suo consumo era riservato solo ai sovrani e ai guerrieri. I semi di cacao (le fave di cacao) erano ritenuti talmente preziosi da essere usati come moneta, i semi erano frantumati con le pietre per ricavare una polvere granulosa di cacao amaro che era mescolata a varie spezie ed erbe per formare una sorta di pasta di cacao utilizzata principalmente a scopo curativo, molto diversa da quella che tutti conosciamo comunemente.
Dal momento della sua scoperta, il cioccolato è l'alimento più desiderato e chiunque ha difficoltà a resistere ad un pezzetto di cioccolato ma sappiamo quante insidie può nascondere una tavoletta di cioccolato commerciale. Oggi vedremo come preparare il cioccolato fondente con ingredienti di ottima qualità ottenendo un alimento energetico e sano senza latticini, senza zuccheri, senza lecitina di soia, senza additivi e senza conservanti. 
Con il burro di cacao e il cacao crudo in polvere ho ottenuto un cioccolato fondente profumatissimo ricco di antiossidanti, ho aggiunto croccanti noci del Brasile ricche di selenio, ma si può caratterizzare a proprio gusto ed è semplicissimo da realizzare. 
Adatto come snack per chi non vuole rinunciare al cioccolato, come spuntino energetico per i bambini e per combattere la stanchezza di chi si allena intensamente.
Cioccolato Fondente Homemade alle Noci dell'Amazzonia di Armonia Paleo
Cioccolato Fondente Homemade alle Noci dell'Amazzonia

Ingredienti
Procedimento
  1. Mettere le noci del Brasile in una ciotola e coprire di acqua naturale, lasciare in ammollo per 4 ore. Scolare e asciugare. Tritare a grossi pezzi e tenere da parte.
  2. In un pentolino a bagnomaria far sciogliere a fuoco basso il burro di cacao.
  3. Togliere il pentolino dal fuoco e unire il cacao e la vaniglia o la cannella in polvere, mescolare bene con una frusta per eliminare eventuali grumi e lasciare intiepidire.
  4. Adagiare le noci dell'Amazzonia tritate sul fondo di un piccolo stampo (cm 13 x 8 x 3) della capienza di 250 grammi, foderato con carta da forno oppure in uno stampo in silicone, versare il composto di burro di cacao tiepido e fare solidificare in frigorifero per almeno 2 ore.
  5. Togliere dal frigorifero, estrarre la tavoletta dallo stampo, lasciare a temperatura ambiente per circa 1 ora e affettare.
  6. Servire.
SuggerimentiL'ammollo in acqua delle noci aiuta a ridurre la quantità di acido fitico contenuto nella frutta secca. La quantità di noci del Brasile può essere raddoppiata e si possono sostituire con altre varietà di frutta secca, si può dolcificare con 1-2 cucchiai di miele di acacia oppure con uva sultaninaamarene essiccateConservare la tavoletta di cioccolato in frigorifero. Per lo stampo ho utilizzato un contenitore per alimenti, nei negozi di casalinghi specializzati si trovano stampi appositi, quelli in silicone sono più adatti per estrarre facilmente la tavoletta di cioccolato.
Curiosità: Le noci del Brasile sono racchiuse in un guscio molto duro, a loro volta inserite all'interno di un frutto grande circa come una noce di cocco che contiene da 16 a 24 noci brasiliane. La Castanherira, l'albero delle noci del Brasile, cresce solo in Amazzonia poiché in questa regione tropicale ci sono le condizioni ottimali per la riproduzione, falliti i tentativi di coltivazione in altre zone tropicali poiché l'impollinazione avviene tramite insetti la cui dieta è legata all'ecosistema dell'Amazzonia e la crescita si deve anche all'aguti, un grosso roditore che nasconde nel terreno come riserva le noci contribuendo alla semina naturale. Le noci del Brasile perciò possono crescere solo grazie alla conservazione ambientale della foresta amazzonica.
Info
La pianta del cacao (Theobroma Cacao) è un albero sempreverde che produce i frutti dai quali si estraggono i semi del cacao (le fave di cacao) usati per produrre il cacao, il burro di cacao e il cioccolato. Il cacao è una ricca fonte di antiossidanti, promuove la salute cardiovascolare e aiuta a migliorare la circolazione e la pressione sanguigna, stimola la secrezione di endorfine e promuove il rilascio di neurotrasmettitori tra cui la serotonina che aiuta il buonumore e allevia i sintomi della sindrome premestruale. 
Le noci dell'Amazzonia o del Brasile sono il seme dell'albero Bertholletia excelsa localmente chiamato Castanheira, un albero di grandi dimensioni che cresce in Amazzonia. Apprezzate per l'elevato contenuto di vitamina E, sono conosciute soprattutto perché sono l'alimento con la più alta concentrazione di selenio presente in natura. Il consumo delle noci del Brasile è, infatti, benefico per l'organismo principalmente per l'alto contenuto di selenio poiché il selenio è il regolatore vitale nei processi di riparazione del DNA cellulare e svolge un ruolo nel mantenimento della salute della tiroide siccome collabora con lo iodio. Il selenio è infatti necessario per produrre un ormone tiroideo chiamato T3, che regola il metabolismo. Il selenio è un potente antiossidante, si è visto che cibi ad alto contenuto di selenio possono prevenire il cancro, riducendo i radicali liberi nel corpo. Alimenti ricchi di selenio come le noci del Brasile sono utili per prevenire i danni ossidativi nel corpo riducendo l'infiammazione e il rischio di malattie cardiovascolari. 
E' consigliato il consumo giornaliero di 3-4 noci del Brasile per una giusta quantità di micronutrienti. 
Cioccolato Fondente Homemade alle Noci dell'Amazzonia di Armonia Paleo

Cioccolato Fondente Homemade alle Noci dell'Amazzonia di Armonia Paleo

Cioccolato Fondente Homemade alle Noci dell'Amazzonia di Armonia Paleo
Le mie ricette sono basate sulle linee guida Paleo, qui scopri di più sulla mia alimentazione e il mio stile di vita.
Per non perdere nessuna ricetta e ricevere gli aggiornamenti continua a seguirmi anche sulla pagina Facebook 

mercoledì 22 aprile 2015

Insalata di Salmone Affumicato con Ribes e Spinaci Novelli

Con la primavera inizia la stagione delle verdure novelle, oggi vi propongo un'insalata con le foglioline tenere degli spinaci novelli, salmone selvaggio affumicato, sedano e bacche di ribes per un pasto veloce e dal fresco sapore. 
Insalata di Salmone Affumicato con Ribes e Spinaci Novelli di Armonia Paleo
  Insalata di Salmone Affumicato con Ribes e Spinaci Novelli

Ingredienti per 1 porzione
Procedimento
  1. Lavare e asciugare in una centrifuga per verdure le foglie di spinaci novelli. 
  2. Lavare e tagliare a rondelle molto sottili il gambo di sedano comprese le foglie.
  3. Lavare e asciugare le bacche di ribes rosso.
  4. Tagliare a striscioline il salmone affumicato.
  5. Preparare la citronette: in una ciotolina diluire un pizzico di sale con la spremuta di limone, aggiungere l'olio e mescolare bene fino ad ottenere un'emulsione.
  6. Disporre in un'insalatiera le foglie di spinaci, unire le bacche di ribes rosso, il sedano e il salmone. Condire l'insalata con la citronette e mescolare.
  7. Servire.
InfoIl Salmone selvaggio ha una carne molto gustosa con  alto contenuto di acidi grassi Omega3.
Gli Spinaci, come tutte le verdure a foglia verde scuro, hanno un alto contenuto di vitamina A, utile per il regolare funzionamento della vista. 
Il Ribes è un frutto con proprietà antinfiammatorie, regolarizzante dell'apparato urinario, ha un buon contenuto di vitamina A e C, antiossidanti utili a contrastare l'effetto dei radicali liberi.
Insalata di Salmone Affumicato con Ribes e Spinaci Novelli di Armonia Paleo

Insalata di Salmone Affumicato con Ribes e Spinaci Novelli di Armonia Paleo
Le mie ricette sono basate sulle linee guida Paleo, qui scopri di più sulla mia alimentazione e il mio stile di vita.
Per non perdere nessuna ricetta e ricevere gli aggiornamenti continua a seguirmi anche sulla pagina Facebook 

sabato 18 aprile 2015

Pemmican - Barrette Proteiche

Un passo dopo l'altro si può anche arrivare in Antartide, il continente più freddo e inospitale situato al Polo Sud del Pianeta Terra. La prima spedizione a raggiungere l'Antartide fu quella guidata dall'esploratore norvegese Roald Amundsen nel dicembre 1911, gli alimenti base del team erano la carne di foca e il Pemmican utilizzato anche in altre spedizioni come in quella di Robert Falcon Scott. 
Il Pemmican è un impasto proteico composto di una miscela concentrata di carne secca e grasso, talvolta contiene bacche essiccate e miele. In Antartide occorre un'alimentazione molto ricca di nutrienti per sopravvivere alle condizioni climatiche avverse, il Pemmican è il cibo più utilizzato nelle spedizioni ed è tuttora consumato come snack nelle basi di ricerca scientifica, è basato sulla ricetta inventata dai Nativi d'America, si conserva per lunghissimo tempo ed è facilmente trasportabile. Il Pemmican è stato ampiamente utilizzato dai commercianti di pellicce canadesi e dagli esploratori come Roald Amundsen e Robert Falcon Scott, oltre all'esploratore britannico Alexander Mackenzie che nel 1793 scelse il Pemmican come nutrimento per la sua traversata via terra dal Canada all'Oceano Pacifico.
Mi sono avventurata nella preparazione del Pemmican, prendendo spunto da varie ricette, ho aggiunto alcuni datteri per migliorare il sapore e amarene secche per l'apporto di vitamine A, C e B, all'assaggio non si distingue l'alto contenuto di carne mentre ha una grande fonte di proteine di qualità. Queste barrette sono adatte per i viaggi e gli sport all'aperto poiché poco ingombranti, si possono mettere nello zaino per un pasto pratico, molto saziante e nutrizionalmente completo.
Pemmican - Barrette Proteiche di Armonia Paleo
  Pemmican - Barrette Proteiche

Ingredienti per  7 barrette di Pemmican
Procedimento
  1. Tagliare, o far tagliare dal macellaio, la carne a fettine molto sottili tipo carpaccio.
  2. Disporre le fettine di carne sopra la gratella del forno, nella parte sottostante posizionare la leccarda del forno foderata con carta da forno per raccogliere i succhi che usciranno dalla carne. Infornare a 150°C e cuocere per 2 ore o fino a completa asciugatura. Questo può richiedere da un minimo di 2 ore fino a 5-8 ore in relazione a tipologia e spessore della carne utilizzata. Per questa operazione è possibile utilizzare un essiccatore. La carne è ben essiccata quando è asciutta, raggiunge una colorazione più scura e si sbriciola toccandola. 
  3. Lasciare raffreddare, poi inserire le fettine di carne essiccate in un robot da cucina, attivare le lame fino a quando la carne sarà completamente macinata alla consistenza di polvere. Se non fosse macinata abbastanza finemente, mettere il composto in un macina spezie oppure in un macinino da caffè elettrico e completare l'operazione fino ad ottenere una polvere.
  4. Tritare i datteri denocciolati in un mixer, aggiungere l'olio di cocco fuso e amalgamare bene il composto.
  5. Togliere il composto di datteri e olio dal mixer, unire la carne in polvere  e le amarene essiccate e mescolare. 
  6. Distribuire l'impasto sopra un foglio di carta da forno, formare un rettangolo di cm 14 x 12 dello spessore di circa 1 cm e pressare bene livellando la superficie con una spatola.
  7. Avvolgere in carta da forno e mettere a solidificare in frigorifero per almeno 1 ora.
  8. Togliere dal frigorifero e tagliare in 7 barrette rettangolari
SuggerimentiLa carne di manzo si può sostituire con cervo, capriolo, bisonte, bufalo. Scegliere tagli di carne molto magra, poiché il grasso tende a irrancidire e non si conserverebbe bene. Le barrette di Pemmican si possono congelare già porzionate. Per un pratico spuntino da viaggio confezionare le barrette con carta da forno. Per essiccare la carne è possibile utilizzare un essiccatore.
Info: Queste barrette di Pemmican hanno un alto contenuto proteico proveniente da carne magra di bovino. I datteri e le amarene contengono potassio, magnesio, fosforo. Inoltre le amarene contengono vitamine A, C e B e antiossidanti. L'olio di cocco vergine ha proprietà antivirali, antibatteriche, antifungine e antiparassitarie, è utile nel trattare i problemi digestivi, nella sindrome dell'intestino irritabile e supporta il sistema immunitario.
Pemmican - Barrette Proteiche di Armonia Paleo
Con questa ricetta dell'Antartide partecipo alla raccolta dell'Abbecedario Culinario Mondiale ospitato in questa tappa da Brii del blog Briggishome
Pemmican - Barrette Proteiche di Armonia Paleo

Pemmican - Barrette Proteiche di Armonia Paleo
Ti potrebbe anche interessare:
Il Principe dell'Antartide
Le mie ricette sono basate sulle linee guida Paleo, qui scopri di più sulla mia alimentazione e il mio stile di vita.
Per non perdere nessuna ricetta e ricevere gli aggiornamenti continua a seguirmi anche sulla pagina Facebook 

mercoledì 15 aprile 2015

Spiedini di Fragole e Banane al Cioccolato

Un modo simpatico per servire la frutta è preparare degli Spiedini, per quelli di oggi ho scelto fragole succose e rondelle di banana poi ho versato gocce di cioccolato fondente fuso e cosparso con mandorle tritate. Un dolce semplice da preparare, bello da presentare e molto goloso, adatto anche per uno spuntino che piacerà a grandi e bambini.
Spiedini di Fragole e Banane al Cioccolato di Armonia Paleo
Spiedini di Fragole e Banane al Cioccolato 

Ingredienti per 8 Spiedini
  • 8 fragole
  • 2 banane
  • spremuta di ½ limone
  • 8 spiedini
Per la Decorazione
Procedimento
  1. Lavare e asciugare le fragole, togliere il picciolo e tagliare ogni fragola in 3 pezzi.
  2. Sbucciare le banane e affettare a rondelle di circa 2 cm, bagnare con la spremuta di limone.
  3. Preparare gli spiedini di frutta alternando pezzetti di fragole e banane.
  4. Tagliare a pezzetti il cioccolato e fondere con l'olio di cocco in un pentolino a bagnomaria.
  5. Versare sugli spiedini il cioccolato fuso con un movimento a zig zag e cospargere con le mandorle tritate.
  6. Servire.
Suggerimenti: Le fragole si possono sostituire con altra frutta di stagione come pesche, albicocche, mele, kiwi, prugne.
Stagionalità: Le fragole sono disponibili da aprile a giugno.
Info: Le fragole sono ricche di vitamina C utile a rafforzare il sistema immunitario e hanno un buon contenuto di potassio, calcio e fosforo. Secondo uno studio condotto dai ricercatori dell'Harvard School of Public Health (Usa) e dall'University of East Anglia (Regno Unito), le fragole potrebbero aiutare a combattere gli attacchi di cuore e le malattie cardiovascolari, grazie a un tipo di flavonoidi, le antocianine, che contribuiscono a mantenere le arterie dilatate e a contrastare la formazione delle placche.
Spiedini di Fragole e Banane al Cioccolato di Armonia Paleo

Spiedini di Fragole e Banane al Cioccolato di Armonia Paleo
Le mie ricette sono basate sulle linee guida Paleo, qui scopri di più sulla mia alimentazione e il mio stile di vita.
Per non perdere nessuna ricetta e ricevere gli aggiornamenti continua a seguirmi anche sulla pagina Facebook 

lunedì 13 aprile 2015

Uova in Camicia con Pancetta e Spinaci

Nell'alimentazione Paleo la colazione è un pasto come un altro, si possono utilizzare gli avanzi della cena oppure preparare un pasto come quello che vi propongo oggi. Le uova sono una fonte eccellente di proteine e si possono cuocere in tantissimi modi, squisite le uova in camicia o bazzotte, il tuorlo rimane semiliquido, morbido e cremoso. Le ho abbinate a fette di pancetta croccante e spinaci con petali di mandorle per iniziare la giornata con una carica di sana energia e rimanere sazi per parecchie ore.
Uova in Camicia con Pancetta e Spinaci di Armonia Paleo

Uova in Camicia con Pancetta e Spinaci di Armonia Paleo
Uova in Camicia con Pancetta e Spinaci

Ingredienti per 1 porzione
Procedimento
  1. Lavare gli spinaci o le bietole, lessare in poca acqua per 2-3 minuti e scolare.
  2. In una padella rosolare da entrambi i lati le fette di pancetta.
  3. Preparare le uova in camicia: sgusciare un uovo in una piccola ciotola e tenere da parte. In un pentolino mettere a bollire l'acqua con l'aceto, quando l'acqua bolle mescolare con un cucchiaio creando un piccolo vortice, quindi abbassare il fuoco e versare l'uovo dalla ciotola nell'acqua. Cuocere a fuoco basso, senza far bollire, per 3 minuti, fino a quando l'albume si rapprenderà. Scolare l'uovo con una schiumarola e asciugare delicatamente su carta da cucina. Ripetere il procedimento con l'uovo rimasto.
  4. Disporre la verdura in un piatto e cospargere con le scaglie di mandorle. Adagiare le fette di pancetta e le uova. Insaporire tutto con sale e pepe.
  5. Servire.
InfoLe uova sono un'ottima fonte proteica, hanno un alto contenuto di vitamine B,  A e D, fosforo, ferro, calcio e selenio. Inoltre contengono colina, sostanza utile al cervello per l'efficienza della memoria e sono ricche di luteina e zeaxantina, carotenoidi importanti per la vista, che proteggono gli occhi dalla degenerazione  maculare e riducono il rischio di sviluppare cataratta. Evitare di consumare l'albume crudo poiché contiene avidina che legandosi alla vitamina H (biotina) ne impedisce l'assorbimento, con la cottura si risolve il problema. Da uno studio scientifico svolto su un gruppo di partecipanti si sono riscontrati i benefici dei grassi del tuorlo d'uovo: tutti i partecipanti a cui erano state somministrate uova intere hanno migliorato il profilo lipidico con diminuzioni di trigliceridi e aumento di colesterolo HDL (colesterolo buono) con riduzione significativa nel rapporto colesterolo LDL/HDL.
Fonti:
Medindia
University Of Surrey
Uova in Camicia con Pancetta e Spinaci di Armonia Paleo

Uova in Camicia con Pancetta e Spinaci di Armonia Paleo
Le mie ricette sono basate sulle linee guida Paleo, qui scopri di più sulla mia alimentazione e il mio stile di vita.
Per non perdere nessuna ricetta e ricevere gli aggiornamenti continua a seguirmi anche sulla pagina Facebook