venerdì 28 novembre 2014

Rack of Lamb with Macadamia and Herb Crust - Carré di Agnello con Noci di Macadamia e Crosta di Erbe

Le noci di Macadamia sono originarie dell'Australia, una noce prelibata consumata dai nativi Aborigeni e apprezzata in tutto il mondo per le caratteristiche nutrizionali. 
Nella ricetta di oggi ho utilizzato le Noci di Macadamia dal sapore delicato e burroso per preparare il Carré di Agnello, un piatto ideale per le grandi occasioni quali il Natale, la Pasqua o qualsiasi altra ricorrenza importante. Mi sono ispirata alla ricetta di Eamon Sullivan, ex-nuotatore olimpico australiano, apportando qualche modifica agli ingredienti e al tempo di cottura ottenendo costolette di agnello molto appetitose con una crosta croccante di Macadamia profumata di menta e limone. 
Carré di Agnello con Noci di Macadamia e Crosta di Erbe di Armonia Paleo
Rack of Lamb with Macadamia and Herb Crust 
Carré di Agnello con Noci di Macadamia e Crosta di Erbe

Ingredienti per 2-4 porzioni
Procedimento
  1. Preriscaldare il forno a 190°C in modalità statica.
  2. Inserire in un mixer le noci di macadamia, le foglie di menta, la scorza grattugiata di limone, sale, pepe e l'olio di cocco. Attivare le lame fino ad ottenere un pesto macinato in modo omogeneo. 
  3. Insaporire il carré di agnello con sale e pepe poi coprire la parte superiore del carré con il pesto di erbe e macadamia premendo con le dita verso il basso per far aderire il pesto alla carne.
  4. Disporre il carré di agnello sulla leccarda del forno foderata con carta da forno, infornare e cuocere a 190°C in modalità statica per 30 minuti. Togliere dal forno e coprire il carré con un foglio di alluminio poi rimettere in forno e cuocere per altri 15-20 minuti, regolandovi col vostro forno.
  5. Far riposare il carré di agnello in forno spento per 5 minuti per favorire la ridistribuzione dei succhi nelle fibre, poi procedere al taglio delle costolette seguendo il verso dell'osso con l'aiuto di un coltello di grosse dimensioni.
  6. Servire.
Suggerimenti: Il carré di agnello dovrà essere cotto conservando un colore rosato all'interno, per una maggiore cottura cuocere per altri 10 minuti abbassando la temperatura del forno a 170°C e coprendo il carré con un foglio di alluminio per evitare di bruciare la crosta di erbe. Eventuali pezzetti di crosta di macadamia ed erbe caduti dal carré si possono utilizzare per decorare il piatto. 
Il carré di agnello si può accompagnare con bietoline trifolate (come in questa ricetta) o altre verdure a proprio gusto.
Info: Tra la frutta secca, le noci di Macadamia hanno il più basso contenuto di omega-6 e di acido fitico. Hanno un buon contenuto di rame, manganese e tiamina, inoltre contengono acido palmitoleico considerato positivo sul metabolismo portando all'organismo benessere e longevità. 
Carré di Agnello con Noci di Macadamia e Crosta di Erbe di Armonia Paleo
Con questa ricetta dell'Australia partecipo alla raccolta dell'Abbecedario Culinario Mondiale ospitato in questa tappa dal blog Cook Almost Anything
Carré di Agnello con Noci di Macadamia e Crosta di Erbe di Armonia Paleo
Ti potrebbe interessare:
Guida Australia
Le mie ricette sono basate sulle linee guida Paleo, qui scopri di più sulla mia alimentazione e il mio stile di vita.
Per non perdere nessuna ricetta e ricevere gli aggiornamenti continua a seguirmi anche sulla pagina Facebook 

mercoledì 26 novembre 2014

Clafoutis di Merluzzo e Broccoli

Il clafoutis è una ricetta di origine francese generalmente dolce, ci sono anche versioni salate con verdure cotte abbinate a carne o pesce. In autunno e inverno, la famiglia dei cavoli è la più rappresentativa tra gli ortaggi, seguo le stagioni e ho scelto i broccoli per preparare la ricetta di oggi, un Clafoutis di Merluzzo e Broccoli che ho arricchito con fiocchi di alghe e latte di cocco.
Clafoutis di Merluzzo e Broccoli di Armonia Paleo
Clafoutis di Merluzzo e Broccoli

Ingredienti per 2 porzioni
Procedimento
    1. Cuocere le cime dei broccoli in acqua bollente oppure a vapore per circa 15 minuti, scolare e tenere da parte.
    2. Con un pennello da cucina ungere con olio di cocco il fondo e i bordi di una pirofila da forno, versare le cime dei broccoli cotte e tagliate a pezzetti e i filetti di merluzzo freschi o decongelati privati da eventuali spine e tagliati a pezzetti. 
    3. In una ciotola sbattere le uova con l'arrowroot, il latte di cocco e i fiocchi di alghe, insaporire con sale e pepe. Versare il composto nella pirofila sopra i broccoli e il pesce.
    4. Infornare a 180°C in modalità statica e cuocere per 45-50 minuti o fino a quando le uova si saranno rapprese, regolandovi col vostro forno.
    5. Servire.

    Clafoutis di Merluzzo e Broccoli di Armonia Paleo

    Clafoutis di Merluzzo e Broccoli di Armonia Paleo
    Le mie ricette sono basate sulle linee guida Paleo, qui scopri di più sulla mia alimentazione e il mio stile di vita.
    Per non perdere nessuna ricetta e ricevere gli aggiornamenti continua a seguirmi anche sulla pagina Facebook

    lunedì 24 novembre 2014

    Fegato di Maiale nella Rete

    Il fegato di maiale è un alimento diffuso nella cucina regionale italiana, in Veneto troviamo il Fegato con Cipolle alla Veneziana. Invece, nella cucina Toscana, in Emilia e in Sardegna si usa avvolgere il fegato nella rete formando dei fagottini, conosciuti come Fegatelli di Maiale, un piatto semplice, rustico e nutriente col sapore deciso di cibo vero. Avvolgere i pezzetti di fegato nella rete ha lo scopo di rendere la frattaglia più morbida e migliorarne il sapore, la rete si scioglie col calore rilasciando il grasso in cottura che arricchisce il fegato di un sapore particolarmente ricco. 
    Fegato di Maiale nella Rete di Armonia Paleo

    Fegato di Maiale nella Rete di Armonia Paleo
    Fegato di Maiale nella Rete

    Ingredienti per 2 porzioni
    Procedimento
    1. Tagliare il fegato di maiale a pezzi di circa 4 cm di lato.
    2. Immergere la rete di maiale in acqua acidulata con l'aceto di mele per 2-3 minuti, per ammorbidire le membrane della rete.
    3. Scolare la rete e stenderla sopra un tagliere.
    4. Avvolgere strettamente ogni pezzo di fegato in un pezzetto di rete, non occorre legare l'involtino né fissare con stecchini.
    5. Adagiare i fagottini di fegato in una padella antiaderente o in un tegame di terracotta con lo strutto o l'olio extravergine di oliva e le foglie di alloro, cuocere per 7-8 minuti punzecchiando i pezzetti con una forchetta e girando alcune volte, insaporire con sale e pepe a fine cottura.
    6. Servire caldi.
    Suggerimenti: E' consigliabile consumare il fegato lo stesso giorno dell'acquisto perché si deteriora abbastanza velocemente. Per una buona cottura del fegato è importante cuocerlo a fuoco vivo e non troppo a lungo, aggiungendo il sale a fine cottura altrimenti indurisce. La rete di maiale si può utilizzare anche per avvolgere gli arrosti o gli spiedini di carne.
    Info: La rete di maiale è il tessuto grasso che avvolge l'intestino dell'animale. 
    Il fegato rappresenta una delle fonti alimentari più ricche di proprietà nutrizionali, oltre all'alto contenuto di vitamina B12 (cobalamina) fondamentale nella formazione dei globuli rossi e per le cellule del sistema nervoso, ricco di vitamina A,  ha un'alta concentrazione di ferro e contiene tutti gli aminoacidi essenziali.
    Contrariamente a quello che si può pensare, il fegato non è un semplice "filtro" bensì un impianto di trasformazione, come spiega Mark Sisson in questo articolo, il fegato converte proteine in glucosio, converte il glucosio in glicogeno, produce trigliceridi e ha molti altri compiti, ma la sua funzione più nota è la responsabilità di rendere le tossine inerti e di trasportarle fuori per essere espulse, di solito nelle urine attraverso i reni. Il fegato quindi può contenere tossine quanto ogni altra parte dell'animale. 
    Inoltre, il fegato non è un alimento da consumare tutti i giorni, ha un alto contenuto di vitamina A e di rame e il consumo abbondante può essere controproducente, anche se non contiene tossine. E' consigliato un consumo settimanale, preferibilmente da animali allevati al pascolo o da allevamenti biologici. 
    Fegato di Maiale nella Rete di Armonia Paleo

    Fegato di Maiale nella Rete di Armonia Paleo
    Le mie ricette sono basate sulle linee guida Paleo, qui scopri di più sulla mia alimentazione e il mio stile di vita.
    Per non perdere nessuna ricetta e ricevere gli aggiornamenti continua a seguirmi anche sulla pagina Facebook

    domenica 23 novembre 2014

    Tarte Tatin aux Pommes - Torta Rovesciata alle Mele

    La Tarte Tatin è una tipica torta francese, nata per un errore delle sorelle Tatin che in occasione di un pranzo nel loro ristorante dimenticarono di stendere la pasta sul fondo della teglia. Per rimediare al problema coprirono le mele caramellate con l'impasto e presentarono la torta rovesciandola su un piatto ottenendo un dolce delizioso soprannominato Tarte Tatin. Da allora sono tante le modifiche e varianti apportate a questa torta, la mia Tarte Tatin o Torta Rovesciata alle Mele è senza cereali e senza latticini, un morbido impasto profumato di cocco, mandorle e cannella si immerge nelle mele caramellate con burro di cacao e miele di acacia.      
    Tarte Tatin aux Pommes - Torta Rovesciata alle Mele di Armonia Paleo

    Tarte Tatin aux Pommes - Torta Rovesciata alle Mele di Armonia Paleo
    Tarte Tatin aux Pommes - Torta Rovesciata alle Mele

    Ingredienti per uno stampo da 20 cm
    Per le Mele Caramellate 
    Procedimento
    1. Preparare le mele caramellate: sbucciare le mele, togliere il torsolo e tagliare ogni mela in 8 spicchiIn una padella sciogliere il burro di cacao con il miele e aggiungere le mele, cuocere a fuoco basso per circa 20 minuti girando delicatamente i pezzi di mela ogni tanto.
    2. Nel frattempo separare i tuorli dagli albumi. In una ciotola mescolare con una frusta i tuorli con il miele, unire il cocco grattugiato, la farina di mandorle pelate e la cannella in polvere. Montare a neve soda gli albumi. Incorporare gli albumi al composto e amalgamare bene. 
    3. Disporre le mele con il sugo di cottura, sul fondo di uno stampo (diametro 20 cm) unto con olio di cocco, versare l'impasto sulle mele cuocere in forno a 170°C in modalità statica per 25-30 minuti, regolandovi col vostro forno. 
    4. Togliere la torta dal forno e rovesciare delicatamente lo stampo su un piatto da portata.
    5. Servire la torta tiepida o fredda con panna di cocco.
    Suggerimenti: In questa ricetta non occorre il bicarbonato di sodio. 
    Per ottenere la panna di cocco, utilizzare latte di cocco in lattina al 60-70% di cocco. Mettere la lattina di latte di cocco in frigorifero per alcune ore. Aprire la lattina senza agitare e prelevare la parte superiore con un cucchiaio, la parte più densa è chiamata "panna di cocco". Per una consistenza più solida si può mettere in freezer per alcuni minuti, oppure si può montare con le fruste elettriche per almeno 5 minuti.
    InfoIl burro di cacao viene estratto dalle fave di cacao, è un grasso naturale dall'aroma inconfondibile, si può utilizzare in sostituzione del burro vaccino in preparazioni dolci o salate e grazie all'alto punto di fumo è adatto alle cotture.
    Tarte Tatin aux Pommes - Torta Rovesciata alle Mele di Armonia Paleo

    Tarte Tatin aux Pommes - Torta Rovesciata alle Mele di Armonia Paleo

    Tarte Tatin aux Pommes - Torta Rovesciata alle Mele di Armonia Paleo
    Le mie ricette sono basate sulle linee guida Paleo, qui scopri di più sulla mia alimentazione e il mio stile di vita.
    Per non perdere nessuna ricetta e ricevere gli aggiornamenti continua a seguirmi anche sulla pagina Facebook

    venerdì 21 novembre 2014

    Prawn, Mango and Avocado Salad - Insalata di Gamberi con Mango e Avocado

    Sono sbarcata in Australia, nel "nuovissimo continente" dai paesaggi incontaminati, dove i canguri saltellano indisturbati mentre nelle grandi metropoli multiculturali di Canberra, Sydney, Perth e Melbourne hanno iniziato una nuova vita immigrati provenienti da tutto il mondo. Anticamente questa terra circondata completamente dal mare era abitata dagli Aborigeni approdati dal sud-est asiatico attraversando l'Oceano Indiano,  per stabilirsi nel territorio del famoso Uluru meglio conosciuto come Ayers Rock, il più imponente massiccio roccioso dell'Australia. Nell'entroterra gli Aborigeni vivevano di caccia e raccolta, imparando a vivere in armonia con la natura seguendo le stagioni e spostandosi sul territorio alla ricerca del cibo, oggi più della metà della popolazione primitiva degli Aborigeni risiede nelle città, molti di loro lavorano nelle fattorie ma altri rimangono radicati nelle loro terre con uno stile di vita nomade tuttora improntato a caccia e raccolta.
    La cucina australiana non ha una vera e propria tradizione, bensì è composta di vari piatti internazionali poiché ogni immigrato ha portato con sé le proprie abitudini culinarie, perciò si trova una cucina molto variegata e le ricette tradizionali sono poche, tra le carni si consumano canguro, emù e coccodrillo, oltre a manzo, pollame e agnello. Nelle zone costiere, grazie al mare molto pescoso, c'è un'ampia offerta di piatti a base di pesce tra cui dentice, ostriche, calamari, aragoste, gamberi e barramundi, un grosso pesce pregiato simile al branzino, considerato il pesce migliore e preferito dagli australiani. Mango, Avocado e altri frutti esotici sono molto presenti nelle ricette australiane, grazie alle coltivazioni nelle campagne delle regioni tropicali. 
    Inizio il viaggio nella cucina australiana con una tipica e gustosa Insalata di Gamberi, con qualche piccola modifica alla ricetta vista qui per proporvi questa fresca insalata adatta come antipasto, in quantità più abbondante può essere un pranzo e perché non a colazione? 
    Insalata di Gamberi con Mango e Avocado di Armonia Paleo

    Insalata di Gamberi con Mango e Avocado di Armonia Paleo
    Prawn, Mango and Avocado Salad
    Insalata di Gamberi con Mango e Avocado

    Ingredienti 
    Antipasto per 2 porzioni
    Procedimento
    1. Lessare i gamberoni per circa 10 minuti in acqua bollente. Scolare i gamberoni, tagliare la testa, togliere il carapace ed eliminare il budellino intestinale. Tritare grossolanamente i gamberoni, lasciandone 2 interi per la decorazione.
    2. Mettere i gamberoni tritati in una ciotola con il mango e l'avocado.
    3. In una ciotolina unire la scorza grattugiata di limone, la spremuta di lime, sale, pepe, i fiocchi di alghe e l'olio di avocado. Mescolare bene formando un'emulsione.
    4. Condire l'insalata di gamberi e frutta con l'emulsione e mescolare.
    5. Distribuire le foglie di lattuga lavate e asciugate in un'insalatiera, coprire con l'insalata di gamberi e frutta. Adagiare i restanti gamberi interi e decorare con spicchi di lime.
    6. Servire.
    Suggerimenti: Se si utilizzano gamberi congelati o decongelati, dopo lo scongelamento metterli in ammollo in acqua acidulata per circa 10 minuti poi sciacquarli in acqua corrente prima di procedere alla cottura. Lessare i gamberi interi, eliminando il guscio dopo la cottura per esaltare il sapore del crostaceo. Conservare nel congelatore le teste e i carapaci dei gamberi cotti, saranno utili per preparare un fumetto di pesce per insaporire una zuppa o un piatto a base di pesce.
    InfoIl mango ha un buon contenuto di carotenoidi utili a contrastare l'azione dei radicali liberi e vitamina A e C. Il mango è maturo quando emana un buon profumo ed è leggermente morbido alla pressione delle dita, il colore non è sempre un buon indizio poiché dipende dalla varietà. Per accelerare la maturazione si può mettere in un sacchetto di carta insieme a una mela a temperatura ambiente. 
    L'avocado supera la quantità di potassio contenuta nelle banane ed è ricco di sostanze antiossidanti come la vitamina A ed E.
    L'avocado è maturo quando è leggermente morbido alla pressione delle dita, per accelerare la maturazione si può mettere in un sacchetto di carta insieme a una mela a temperatura ambiente. Se invece è già maturo si conserva in frigorifero per 4-5 giorni.
    Le principali produzioni di avocado sono presenti nei paesi del Sud America, in Australia, nel Sud Africa e in Israele, mentre in Europa troviamo piccole produzioni in Spagna e da qualche anno anche in Sicilia ci sono produzioni di avocado di buona qualità. 
    Insalata di Gamberi con Mango e Avocado di Armonia Paleo
    Con questa ricetta dell'Australia partecipo alla raccolta dell'Abbecedario Culinario Mondiale ospitato in questa tappa dal blog Cook Almost Anything
    Insalata di Gamberi con Mango e Avocado di Armonia Paleo
    Ti potrebbe interessare:
    Le mie ricette sono basate sulle linee guida Paleo, qui scopri di più sulla mia alimentazione e il mio stile di vita.
    Per non perdere nessuna ricetta e ricevere gli aggiornamenti continua a seguirmi anche sulla pagina Facebook 

    mercoledì 19 novembre 2014

    Insalata di Indivia Belga, Pere e Noci

    Da più parti la Dieta Paleo viene criticata di essere iperproteica per l’eliminazione dei cereali, in realtà in questa alimentazione si privilegiano carboidrati che derivano da verdure e frutta note come fonti naturalmente ricche di fibre, minerali e vitamine. 
    Verdure e frutta sono parte integrante della mia alimentazione quotidiana, oggi vi propongo una gradevole insalata con l'indivia belga, una varietà di cicoria dal sapore più dolce e dalle foglie croccanti, l'ho abbinata a noci e pere di stagione, un contorno veloce e gustoso adatto ad accompagnare il pollame e tutti i tipi di carne.
    Insalata di Indivia Belga, Pere e Noci di Armonia Paleo
    Insalata di Indivia Belga, Pere e Noci

    Ingredienti per 1 porzione
    Procedimento
    1. Sfogliare i cespi di indivia ed eliminare la parte centrale del torsolo. Lavare e asciugare delicatamente le foglie. Tagliare le foglie nel senso della larghezza e disporre in una insalatiera.
    2. Sbucciare la pera, togliere il torsolo e tagliare a dadini la polpa, spruzzare con 1 cucchiaio di spremuta di limone.
    3. Aggiungere i dadini di pera alle foglie di indivia e unire i gherigli di noci frantumati con le mani.
    4. Preparare la citronette per il condimento: in una ciotolina diluire il sale con 1 cucchiaio di spremuta di limone, unire l'olio extravergine di oliva e miscelare formando un'emulsione.
    5. Condire l'insalata con la citronette e mescolare bene.
    6. Servire.
    Stagionalità: La stagione dell'indivia belga va da ottobre a maggio.
    CuriositàL'Indivia Belga conosciuta anche come Witloof (dal fiammingo "foglio bianco") o Cicoria di Bruxelles ha origine in Belgio, secondo la leggenda nel 1830 un agricoltore belga aveva conservato in cantina le radici di cicoria che aveva tolto dal terreno per evitare che col freddo si congelassero. Alla fine dell'inverno ritornò in cantina e trovò le radici germogliate, il contadino assaggiò i germogli e li trovò teneri, croccanti, succosi e leggermente amari. In Belgio in inverno fa molto freddo ed è difficile trovare verdure fresche, ecco come ebbe inizio la coltivazione dell'indivia belga.
    Info: L'indivia contiene inulina, una sostanza prebiotica, utile ad aumentare le difese immunitarie, per il buon funzionamento dell'intestino e la riduzione del colesterolo.
     Insalata di Indivia Belga, Pere e Noci di Armonia Paleo
       
    Insalata di Indivia Belga, Pere e Noci di Armonia Paleo

    Le mie ricette sono basate sulle linee guida Paleo, qui scopri di più sulla mia alimentazione e il mio stile di vita.
    Per non perdere nessuna ricetta e ricevere gli aggiornamenti continua a seguirmi anche sulla pagina Facebook

    lunedì 17 novembre 2014

    Mele Ripiene al Forno

    Ci sono ricette col sapore dell'infanzia, quanti di voi ricordano la nonna o la mamma che cuoceva le mele nel forno? Mia madre infornava spesso le mele e oggi vi propongo questa sua antica ricetta leggermente modificata perché in fondo alle mele basta poco, sono già dolci naturalmente e aggiungere altri ingredienti è solo un modo per arricchirle di profumi autunnali. Vediamo quindi come preparare questa semplice ricetta, adatta da accompagnare alle proteine della colazione o per una sana merenda dei bambini.


    Mele Ripiene al Forno

    Ingredienti per 6 porzioni
    Procedimento
    1. Preriscaldare il forno in modalità statica a 190°C.
    2. Lavare le mele e con uno scavino togliere il torsolo lasciando la buccia, con un coltello incidere leggermente una linea orizzontale attorno alle mele, oppure punzecchiare le mele con una forchetta in diversi punti, per evitare che scoppino durante la cottura.
    3. Preparare il ripieno: in una ciotola mescolare l'uvetta con i pinoli, la cannella e l'olio di cocco solido. 
    4. Farcire le mele con il ripieno premendo bene il composto verso il fondo.
    5. Versare l'acqua sul fondo di una pirofila da forno e adagiare le mele. Coprire le mele con un foglio di alluminio da togliere negli ultimi 10 minuti di cottura. Cuocere in forno a 190°C in modalità statica per 50-60 minuti o fino a quando le mele saranno morbide e con la buccia grinzosa.
    6. Lasciare intiepidire e servire a piacere con panna di cocco.
    Suggerimenti: Le mele ripiene si conservano bene in un recipiente coperto per 3 giorni in frigorifero. E' preferibile utilizzare mele biologiche poiché, essendo coltivate senza pesticidi, è possibile consumare anche la buccia.
    Per ottenere la panna di cocco, utilizzare latte di cocco in lattina al 60-70% di cocco. Mettere la lattina di latte di cocco in frigorifero per alcune ore. Aprire la lattina senza agitare e prelevare la parte superiore con un cucchiaio, la parte più densa è chiamata "panna di cocco". Per una consistenza più solida si può mettere in freezer per alcuni minuti, oppure si può montare con le fruste elettriche per almeno 5 minuti. Con la parte più liquida è possibile preparare dolci e frullati oppure si può usare per cucinare.



    Le mie ricette sono basate sulle linee guida Paleo, qui scopri di più sulla mia alimentazione e il mio stile di vita.
    Per non perdere nessuna ricetta e ricevere gli aggiornamenti continua a seguirmi anche sulla pagina Facebook