mercoledì 2 settembre 2015

Insalata con Fichi e Cocco

Oggi vi propongo un'insalata particolare, nuovi abbinamenti per variare i sapori con la croccante iceberg, una varietà di lattuga dal gusto fresco e delicato, dolci fichi di stagione, chips di cocco e una salsa al latte di cocco per condire, un contorno che si realizza in breve tempo, gradevole e adatto per accompagnare piatti di carne o pesce.
Insalata con Fichi e Cocco di Armonia Paleo
Insalata con Fichi e Cocco

Ingredienti per 2 porzioni
Procedimento
  1. Preparare il condimento: in una ciotola diluire il sale con la spremuta di limone, aggiungere l'olio extravergine di oliva e il latte di cocco. Mescolare bene fino ad ottenere un'emulsione.
  2. Disporre le chips di cocco sopra un foglio di carta da forno e tostare in forno a 100°C fino a quando saranno dorate e croccanti.
  3. Lavare delicatamente i fichi e tagliare a spicchi.
  4. Lavare e asciugare la lattuga iceberg poi tagliare a striscioline sottili.
  5. Disporre la lattuga in una terrina, unire i fichi, condire con la salsa al cocco e cospargere con le chips di cocco.
  6. Servire.
Stagionalità: La stagione dei fichi va da luglio a settembre. La varietà di fico fiorone matura nel mese di giugno.
Info: I fichi sono ricchi di vitamine quali la A, B e C, hanno buone proprietà lassative grazie al contenuto di fibre e mucillagini. Sono ricchi di zuccheri, da consumare con moderazione se si vuole perdere peso.
La Lattuga è una delle verdure più utilizzate nella preparazione delle insalate, tuttavia si può consumare anche cotta, stufata o in zuppa. 
Esistono diverse varietà di lattuga: Lattuga Liscia conosciuta anche come Cappuccina o Trocadero, Iceberg dalla caratteristica croccantezza delle foglie, Romana con foglie più consistenti e allungate, Foglia di Quercia con foglie molto ondulate di colore verde o rossiccio molto simile alla lattuga Gentile o Gentilina con foglie ondulate di colore verde o rossiccio, Lattughino da taglio.
La lattuga è composta principalmente di acqua contribuendo a contrastare la ritenzione idrica, per l'alto contenuto di fibre è benefica per l'apparato digerente ed è efficace nel buon funzionamento intestinale. Contiene betacarotene (precursore della vitamina A), vitamina B1, B2, B3, B5, B6, C e K, inoltre sali minerali tra i quali calcio, magnesio, potassio e soprattutto ferro utile nel trattamento dell'anemia. 
Ha proprietà ipoglicemizzante (abbassa il livello di glucosio nel sangue) ed è pertanto adatta a chi soffre di diabete.
Ha proprietà analgesiche e calma i dolori muscolari, è indicata per le mestruazioni dolorose ed è un buon rimedio per la tosse.
La lattuga è nota anche per la proprietà sedativa, più marcata nelle varietà più ricche di lattice (da cui deriva il nome lattuga), sostanza lattiginosa contenuta nelle nervature centrali delle foglie, ed è perciò indicata per gli stati ansiosi e per chi è iperattivo, adatta ad essere consumata nei pasti serali da chi ha difficoltà ad addormentarsi o in caso di insonnia.
La lattuga durante la crescita assorbe sostanze azotate dal terreno (nitrati, principalmente il nitrato di nichel) che provengono dalla concimazione abbondante, il consumo di lattuga da agricoltura biologica, ed in particolare quella cresciuta nel campo e non in serra riduce il problema poiché maggiore è l'esposizione ai raggi solari, minore è il contenuto di nitrati nell'ortaggio.
Insalata con Fichi e Cocco di Armonia Paleo

Insalata con Fichi e Cocco di Armonia Paleo
Le mie ricette sono basate sulle linee guida Paleo, qui scopri di più sulla mia alimentazione e il mio stile di vita.
Per non perdere nessuna ricetta e ricevere gli aggiornamenti continua a seguirmi anche sulla pagina Facebook 

lunedì 31 agosto 2015

Funghi Porcini Trifolati

Di ritorno da una vacanza in Alto Adige, tra splendidi paesaggi dolomitici e mucche al pascolo, in uno dei tanti paesini con le tipiche case dai balconi di legno straripanti di gerani fioriti, ho acquistato come souvenir dei funghi porcini freschi e profumatissimi. Tra le numerose ricette per cucinarli ho scelto una delle più semplici perché il naturale aroma dei funghi porcini non richiede preparazioni particolari e inoltre ne ho destinati in parte a un'altra ricetta che vedremo prossimamente. I Funghi Porcini Trifolati sono un eccellente contorno per accompagnare le uova oppure piatti a base di carne come ad esempio l'arrosto, lo spezzatino o il filetto.
Funghi Porcini Trifolati di Armonia Paleo

Funghi Porcini Trifolati di Armonia Paleo

Funghi Porcini Trifolati di Armonia Paleo

Funghi Porcini Trifolati di Armonia Paleo
Funghi Porcini Trifolati

Ingredienti per 2 porzioni
Procedimento
  1. Pulire i funghi: con un coltello ben affilato e dalla lama liscia, raschiare delicatamente i gambi eliminando tutta la terra, continuare a raschiare le cappelle dei funghi. Dopo aver tolto ogni residuo di terriccio, strofinare i funghi con un panno di cotone umido. Separare la cappella dal gambo, con un delicato movimento rotatorio in direzioni opposte le due parti. Controllare anche la parte interna della cappella e togliere eventuali tracce di terra o parassiti.
  2. Tagliare le cappelle dei funghi a fette e i gambi a listarelle.
  3. Scaldare l'olio di cocco con l'aglio sbucciato e schiacciato in una padella, unire i funghi, dorare brevemente e cuocere a fuoco basso per circa 10 minuti. Togliere lo spicchio d'aglio, insaporire con il sale dell'Himalaya, cospargere con il prezzemolo tritato, mescolare bene e continuare la cottura per circa 2 minuti.
  4. Servire.
Suggerimenti: I funghi porcini si possono sostituire con altre varietà di funghi quali champignons, chiodini, pioppini, finferli. I funghi trifolati si conservano in un contenitore chiuso in frigorifero per 1-2 giorni. E' consigliabile non lavare i funghi poiché perderebbero il loro caratteristico aroma naturale e si inzupperebbero di acqua.
Info: I funghi del genere Boletus (meglio conosciuti come porcini) sono tra i funghi più conosciuti, molto carnosi e profumati, crescono in estate-autunno nei boschi di latifoglie e aghifoglie, possono raggiungere facilmente grandi dimensioni.
La raccolta nei boschi è regolamentata, per non correre rischi è sempre consigliabile far controllare i funghi presso il Servizio Micologico della ASL locale poiché è facilmente possibile confonderli con varietà tossiche e velenose.
Funghi Porcini Trifolati di Armonia Paleo

Funghi Porcini Trifolati di Armonia Paleo

Funghi Porcini Trifolati di Armonia Paleo

Funghi Porcini Trifolati di Armonia Paleo
Le mie ricette sono basate sulle linee guida Paleo, qui scopri di più sulla mia alimentazione e il mio stile di vita.
Per non perdere nessuna ricetta e ricevere gli aggiornamenti continua a seguirmi anche sulla pagina Facebook 

venerdì 28 agosto 2015

Crostata di Fichi Freschi

E' stagione di fichi, dolci frutti deliziosi che maturano al sole dell'estate. I fichi si abbinano bene a molte preparazioni culinarie, dolci e salate, nei giorni scorsi ne ho raccolti parecchi e ho preparato una crostata, un guscio croccante di pasta frolla di mandorle che accoglie i fichi con la loro polpa rossa saporita e profumata. Questa crostata è adatta per una colazione festiva o per gustare con gli amici un dolce in stile paleo privo di cereali e latticini.
Crostata di Fichi Freschi di Armonia Paleo
Crostata di Fichi Freschi

Ingredienti per 6-8 porzioni
Per il Ripieno
Procedimento
  1. Lavare delicatamente i fichi e tenere da parte.
  2. In una terrina mescolare la farina di mandorle con la scorza grattugiata di limone.
  3. In una piccola ciotola sbattere l'uovo con il miele e l'olio di cocco liquido.
  4. Unire gli ingredienti liquidi a quelli secchi e impastare velocemente l'impasto, formando una palla.
  5. Distribuire l'impasto in uno stampo da crostata (diametro della base di 20 cm), unto con olio di cocco. Bucherellare il fondo dell'impasto con una forchetta. Disporre i fichi tagliati a metà o a spicchi sulla base di pasta frolla e cuocere in forno a 180°C in modalità statica per 40 minuti. Togliere lo stampo dal forno e cospargere la superficie della crostata con lo zucchero di cocco, continuare la cottura in forno per altri 10 minuti.
  6. Togliere dal forno la crostata e far raffreddare.
  7. Servire.
Suggerimenti: Questa crostata è da consumare occasionalmente e con moderazione, adatta per una colazione festiva o per gustare con gli amici un dolce in stile paleo privo di cereali e latticini. 
Stagionalità: La stagione dei fichi va da luglio a settembre. La varietà di fico fiorone matura nel mese di giugno.
Info: I fichi sono ricchi di vitamine A, B e C, hanno buone proprietà lassative grazie al contenuto di fibre e mucillagini. Sono ricchi di zuccheri, da consumare con moderazione se si vuole perdere peso.
Crostata di Fichi Freschi di Armonia Paleo

Crostata di Fichi Freschi di Armonia Paleo

Crostata di Fichi Freschi di Armonia Paleo
Ti potrebbe anche interessare

Le mie ricette sono basate sulle linee guida Paleo, qui scopri di più sulla mia alimentazione e il mio stile di vita.
Per non perdere nessuna ricetta e ricevere gli aggiornamenti continua a seguirmi anche sulla pagina Facebook 

lunedì 24 agosto 2015

Peperoni Ripieni di Carne

I peperoni sono tra gli ortaggi protagonisti dell'estate, in cucina trovano impiego in tante ricette e arricchiscono i piatti di colore e vitamina C. I peperoni ripieni sono un piatto tipico della cucina italiana, per la loro forma e la polpa consistente, i peperoni sono ideali ad avvolgere vari ripieni, oggi li ho farciti con la carne e cotti al tegame, una preparazione semplice dal gusto molto saporito. Si possono preparare in anticipo e conservare in frigorifero per alcuni giorni, buoni anche freddi.
Peperoni Ripieni di Carne di Armonia Paleo
Peperoni Ripieni di Carne

Ingredienti per 4 peperoni
Procedimento
  1. Preparare il ripieno: in una terrina mescolare le due varietà di carne, unire l'uovo, il prezzemolo tritato, mezzo spicchio d'aglio tritato e insaporire con il sale dell'Himalaya. Amalgamare bene il composto.
  2. Lavare i peperoni, tagliare la calotta superiore a circa 2 cm dal picciolo, eliminare i semi e i filamenti bianchi interni.
  3. Farcire i peperoni con il ripieno di carne. 
  4. Mettere i peperoni ripieni e le calotte in una casseruola con l'olio extravergine di oliva e la metà dello spicchio d'aglio rimasto. Far rosolare i peperoni da tutti i lati a fuoco vivace, poi abbassare la fiamma, aggiungere il brodo vegetale e cuocere a tegame coperto per 1 ora.
  5. Servire.
Suggerimenti: I peperoni ripieni di carne si possono preparare in anticipo e conservare in frigorifero per 2-3 giorni, sono buoni anche freddi. Per questa ricetta è preferibile scegliere peperoni di tipo quadrato e non troppo grandi. Con lo stesso ripieno si possono farcire le zucchine o preparare delle polpette.
Stagionalità: La stagione dei peperoni va da luglio a settembre.
Info: I peperoni sono una fonte eccellente di vitamina C, con un contenuto 4 volte maggiore di quella presente negli agrumi, e provitamina A (betacarotene). Queste vitamine sono efficaci antiossidanti, utili a contrastare l'azione dei radicali liberi. Inoltre contengono vitamina E, K, magnesio e potassio, sono ricchi di acqua e fibre. Secondo alcune ricerche i peperoni permettono di prevenire malattie tumorali e cardiovascolari. Una sostanza presente in buona quantità nel peperone è la capsaicina, con proprietà antibatteriche, antidolorofiche, antitumorali e analgesiche.
Peperoni Ripieni di Carne di Armonia Paleo

Peperoni Ripieni di Carne di Armonia Paleo
Le mie ricette sono basate sulle linee guida Paleo, qui scopri di più sulla mia alimentazione e il mio stile di vita.
Per non perdere nessuna ricetta e ricevere gli aggiornamenti continua a seguirmi anche sulla pagina Facebook 

venerdì 21 agosto 2015

Polpette di Merluzzo con Salsa di Carote

Le polpette si possono preparare in numerose varianti e diversi ingredienti, quelle che vi propongo oggi hanno come protagonista il merluzzo, aromatizzate con zenzero e scorza di limone poi rotolate nel cocco grattugiato, una buona soluzione per far apprezzare il pesce anche ai bambini. Ho servito le polpette di merluzzo con una soffice e delicata salsa di carote, uno sfizioso finger food oppure un ottimo pasto? Una polpetta dopo l'altra non si sa quando si finisce. J 
Polpette di Merluzzo con Salsa di Carote di Armonia Paleo
Polpette di Merluzzo con Salsa di Carote

Ingredienti per 24 polpette
Per la Copertura
Per la Salsa di Carote
  1. Preriscaldare il forno a 180°C in modalità statica.
  2. Rimuovere eventuali lische dal pesce e tagliare i filetti a pezzetti, poi versarli crudi in un robot da cucina, unire l'uovo, lo zenzero in polvere, la cipolla tritata, la scorza grattugiata di limone, il cocco grattugiato, insaporire con il sale e attivare le lame del robot fino ad ottenere un composto ben amalgamato.
  3. Prelevare delle porzioni dal composto e formare delle polpette grandi quanto una noce, rotolare le polpette nel cocco grattugiato.
  4. Adagiare le polpette sulla leccarda del forno, foderata con carta forno, e cuocere in forno statico a 180°C per 15-20 minuti regolandovi col vostro forno.
  5. Preparare la Salsa di Carote: lavare e spuntare le carote, tagliare a pezzi di circa 2 cm, lessare nel brodo vegetale per 15-20 minuti fino a quando saranno morbide. Sgocciolare le carote con un mestolo forato, frullare in un mixer o con un frullatore a immersione, unire l'olio extravergine di oliva e 4 cucchiai del brodo utilizzato per la cottura, continuare a frullare fino ad ottenere una salsa omogenea.
  6. Servire le polpette con la salsa di carote.
Stagionalità: Le carote si trovano durante tutto l'anno, le carote novelle nei mesi di marzo e aprile.
InfoCon il termine generico di merluzzo vengono denominati pesci di specie diverse e questo può generare confusione nel distinguere nasello e merluzzo, spesso considerati lo stesso pesce. In realtà, il nasello appartiene al genere Merluccius ma è invece un altro animale e non è un merluzzo di piccole dimensioni come talvolta viene definito.
Dal merluzzo, trattato con tecniche diverse, si ottengono baccalà e stoccafisso. Il baccalà è merluzzo conservato sotto sale mentre lo stoccafisso è merluzzo essiccato senza aggiunta di sale. 
Le carote sono un concentrato naturale di vitamine del gruppo B, vitamina D ed E, carotenoidi e flavonoidi. Tra i vegetali sono le più ricche di betacarotene, un potente antiossidante utile a combattere la formazione dei radicali liberi e importante per contribuire alla buona salute della vista. Hanno un buon contenuto di sali minerali quali ferro, calcio, fosforo e potassio, di fitoestrogeni e fibre che favoriscono il miglioramento delle funzioni intestinali e del fegato. Delle carote si possono utilizzare radice e foglie.
Lo zenzero è una pianta officinale originaria dell'Asia, molto utilizzato per i suoi numerosi benefici in tutta la cucina orientale per preparare piatti o bevande. Recenti studi hanno attribuito allo zenzero proprietà antitumorali, favorisce e migliora la digestione eliminando i gas intestinali, calma la nausea, allevia i dolori muscolari e delle articolazioni. Accelera la guarigione nelle malattie da raffreddamento, aiutando a sciogliere il muco e facilitando la respirazione e grazie alle proprietà antinfiammatorie aiuta a combattere il mal di gola. Produce un effetto termogenico nell'organismo rilasciando una sensazione di calore molto efficace in caso di infreddature. Lo zenzero si utilizza fresco oppure essiccato in polvere. Lo zenzero, come tutte le piante officinali, deve essere usato con cautela senza esagerare nelle quantità poiché il gingerolo, il principio attivo dello zenzero, può causare effetti collaterali, attenzione soprattutto per le donne in gravidanza o in caso di calcoli alla cistifellea perché aumenta la secrezione biliare. 

Polpette di Merluzzo con Salsa di Carote di Armonia Paleo

Polpette di Merluzzo con Salsa di Carote di Armonia Paleo
Le mie ricette sono basate sulle linee guida Paleo, qui scopri di più sulla mia alimentazione e il mio stile di vita.
Per non perdere nessuna ricetta e ricevere gli aggiornamenti continua a seguirmi anche sulla pagina Facebook 

lunedì 17 agosto 2015

Dado per Brodo Vegetale Homemade

Il brodo vegetale si utilizza in molte ricette, si può preparare semplicemente con cipolla, sedano e carota lessati in acqua, ma richiede tempo e non sempre abbiamo a disposizione tutti gli ingredienti. Un'alternativa è il dado vegetale preparato in casa, una ricetta che preparo da tempo, senza conservanti, senza grassi aggiunti e senza lieviti, ottenuto soltanto con verdure fresche, preferibilmente biologiche, e sale integrale. Il dado vegetale è utile nelle preparazioni di zuppe e per insaporire stufati di carne o pesce, si può dosare facilmente a proprio gusto, è sufficiente scaldare l'acqua per ottenere un brodo caldo istantaneo, è pronto all'uso ed è molto conveniente.
Dado per Brodo Vegetale Homemade di Armonia Paleo

Dado per Brodo Vegetale Homemade di Armonia Paleo
Dado per Brodo Vegetale Homemade 

Ingredienti
Procedimento
  1. Togliere le estremità alle zucchine, pelare le carote, sbucciare la cipolla e lo scalogno, lavare bene tutte le verdure.
  2. Tagliare a pezzi tutte le verdure e mettere in un robot da cucina, attivare le lame e tritare finemente.
  3. Versare le verdure tritate in una casseruola, aggiungere il sale e mescolare bene. Coprire con un coperchio e cuocere a fuoco basso per 30 minuti rimestando ogni tanto.
  4. A cottura terminata, versare il trito di verdure cotte in un robot da cucina e attivare le lame fino ad ottenere un composto cremoso e omogeneo.
  5. Lasciar raffreddare, versare il composto in un vasetto di vetro da 250 ml e chiudere con il coperchio. 
  6. Conservare in frigorifero.
Suggerimenti: Il dado per brodo vegetale si conserva per circa 6 mesi in frigorifero, ha una consistenza morbida, si può utilizzare per preparare velocemente il brodo vegetale, si può aggiungere alle zuppe di verdure oppure agli stufati di carne o pesce. La ricetta è salata poiché il sale aiuta la conservazione, diluendo il dado nell'acqua si ottiene il sapore perfetto dosando a proprio gusto. Per ½ litro di brodo: diluire 1 cucchiaino colmo di dado in ½ litro di acqua bollente e mescolare bene fino a quando è completamente disciolto.
Dado per Brodo Vegetale Homemade di Armonia Paleo

Dado per Brodo Vegetale Homemade di Armonia Paleo
Le mie ricette sono basate sulle linee guida Paleo, qui scopri di più sulla mia alimentazione e il mio stile di vita.
Per non perdere nessuna ricetta e ricevere gli aggiornamenti continua a seguirmi anche sulla pagina Facebook 

martedì 11 agosto 2015

Muffins di Frittata con Carne e Verdure

Le uova sono ricche di proprietà nutrizionali e molto versatili in cucina. Oggi vi propongo i Muffins di Frittata, adatti per una colazione veloce, pratici da portare in viaggio, al lavoro, in spiaggia o al pic nic. Ho mescolato le uova con dadini di verdure e pezzetti di carne perché le uova da sole non mi saziano abbastanza, ho aggiunto olio di cocco per una consistenza più morbida e invece di preparare una grande frittata ho suddiviso il composto negli stampi da muffins. Questi muffins appetitosi si possono preparare in anticipo, adatti per iniziare la giornata in modo sano.
Muffins di Frittata con Carne e Verdure di Armonia Paleo

Muffins di Frittata con Carne e Verdure di Armonia Paleo
Muffins di Frittata con Carne e Verdure

Ingredienti per 12 Muffins
  • 9 uova
  • 100 gr di carne cotta di manzo, oppure pollo, tacchino, maiale
  • 100 gr di zucchine tagliate a dadini
  • 100 gr di peperoni gialli e rossi tagliati a dadini
  • 1 cucchiaio di cipolla tritata
  • 30 gr (3 cucchiai allo stato liquido) di olio di cocco vergine
  • ½ cucchiaino di sale rosa dell'Himalaya
Procedimento
  1. Preriscaldare il forno a 170°C in modalità statica.
  2. Sgusciare le uova in una terrina, unire l'olio di cocco e insaporire con il sale dell'Himalaya, sbattere bene il composto con una frusta.
  3. Mescolare tutte le verdure crude con la carne cotta.
  4. Ungere molto bene con olio di cocco gli incavi degli stampi da muffin, distribuire il composto di carne e verdure negli stampi. 
  5. Versare le uova sbattute sul composto di carne e verdure. 
  6. Mettere in forno e cuocere a 170°C per 30 minuti regolandovi col vostro forno e fino a quando la superficie dei muffins è ben rassodata e uno stecchino inserito nel centro di un muffin esce quasi asciutto.
  7. Lasciar raffreddare i muffins nello stampo per qualche minuto, poi estrarre.
  8. Servire.
Suggerimenti: I Muffins di Frittata si conservano in frigorifero per 2-3 giorni, oppure si possono congelare. 
I peperoni si possono sostituire con altre verdure di stagione quali funghi, spinaci, cime di broccoli o cavolfiori, da cuocere eventualmente per alcuni minuti prima di infornare.
InfoLe uova sono un'ottima fonte proteica, hanno un alto contenuto di vitamine B,  A e D, fosforo, ferro, calcio e selenio. Inoltre contengono colina, sostanza utile al cervello per l'efficienza della memoria e sono ricche di luteina e zeaxantina, carotenoidi importanti per la vista, che proteggono gli occhi dalla degenerazione  maculare e riducono il rischio di sviluppare cataratta.
Da uno studio scientifico svolto su un gruppo di partecipanti si sono riscontrati i benefici dei grassi del tuorlo d'uovo: tutti i partecipanti a cui erano state somministrate uova intere hanno migliorato il profilo lipidico con diminuzione dei trigliceridi e aumento di colesterolo HDL (colesterolo buono) con riduzione significativa nel rapporto colesterolo LDL/HDL.
Fonti:
Muffins di Frittata con Carne e Verdure di Armonia Paleo

Muffins di Frittata con Carne e Verdure di Armonia Paleo

Muffins di Frittata con Carne e Verdure di Armonia Paleo
Le mie ricette sono basate sulle linee guida Paleo, qui scopri di più sulla mia alimentazione e il mio stile di vita.
Per non perdere nessuna ricetta e ricevere gli aggiornamenti continua a seguirmi anche sulla pagina Facebook